Home > International, Shipping e Logistica > RAM al Transport Logistic con il Corridoio Adriatico-Ionico

RAM al Transport Logistic con il Corridoio Adriatico-Ionico

Del 5 maggio 2017

Il Corridoio Adriatico-Ionico al centro della discussione in occasione del Transport Logistic (Monaco di Baviera, 9-12 maggio), fiera di richiamo internazionale dedicata al trasporto ed alla logistica, grazie a Rete Autostrade Mediterranee (RAM), società in house del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti guidata dal Presidente e Amministratore Delegato Antonio Cancian. Nell’ambito della manifestazione, RAM sarà promotrice mercoledì 10 maggio della conferenza “Adriatic Ionian Logistic Corridor” sullo sviluppo dei collegamenti e dei servizi di Autostrade del Mare nel contesto  del mediterraneo orientale, obiettivo del progetto Adri Up di cui RAM è partner.

 

La conferenza “Adriatic Ionian Logistic Corridor”
Sarà l’interconnessione il fil rouge degli interventi previsti durante la conferenza “Adriatic Ionian Logistic Corridor”, che si terrà mercoledì 10 maggio alla Fiera  Transport Logistic (ore 9, Messe Munchen – Conference Room B22 – Hall B2). Un’interconnessione che si attua a diversi livelli – fra modalità di trasporto, fra piani e progetti in ottica di integrazione, fra operatori pubblici e privati – come sarà descritto dai relatori nazionali e internazionali che prenderanno parte alla discussione.
 
Punto di partenza e modello di riferimento per la discussione sarà la best practice di Adri Up (Adriatic MoS Upgraded Services), progetto cofinanziato dal programma europeo CEF, che si pone l’obiettivo di sviluppare le Autostrade del Mare lungo l’asse Italia-Grecia attraverso interventi infrastrutturali nei porti di Ancona e Trieste, nell’Interporto di Trieste e nel retroporto di Igoumentisa, in Grecia.
 
La prima sessione della Conferenza, di carattere istituzionale, verterà sulla presentazione delle politiche europee in materia di trasporto marittimo da parte della Commissione Europea, per poi concentrarsi sul contributo che la strategia macro regionale adriatico-ionica EUSAIR è in grado di apportare agli operatori pubblici e privati del settore marittimo e intermodale. Successivamente verranno presentati i risultati e le opportunità, anche finanziarie, del programma di cofinanziamento europeo CEF e, nello specifico, della priorità Autostrade del Mare. A seguire, Konstantinos Grinias, Direttore per lo sviluppo dell’Autorità Portuale di Igoumenitsa e Coordinatore di Adri Up, descriverà le azioni previste nell’ambito del progetto.
 
Una tavola rotonda coinvolgerà in seguito le strutture logistiche partner di Adri Up e gli operatori del mercato interessati dalle azioni chiave previste dal progetto, che saranno chiamati a delineare le proprie prospettive. Interverranno Andrea Ntais, Presidente dell’Autorità Portuale di Igoumenitsa; RodolfoGiampieri, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale; Zeno D’Agostino, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale; un rappresentante dell’Interporto di Trieste e degli operatori Grimaldi Lines, Alternative Transport, Kombiverkehr e Superfast Ferries.
 
Il Direttore operativo di RAM, Francesco Benevolo, chiuderà i lavori della mattinata, che mirerà a essere un momento operativo di dialogo e confronto volto a integrare le politiche europee e territoriali con le prospettive di mercato, per lo sviluppo del corridoio Adriatico-Ionico e del sistema portuale e logistico nel suo complesso.
 
Il progetto Adri Up sarà al centro della presenza al Transport Logistic Fair di RAM, che per l’intera durata della manifestazione presso lo stand B4-411proporrà momenti individuali di approfondimento sul progetto. 
 
Il progetto Adri Up e il Corridoio Adriatico-Ionico
Il progetto Adri Up prevede la progettazione per l’upgrading delle infrastrutture ferroviarie interne al porto e per la realizzazione del nuovo terminal Ro-Pax nel porto di Ancona; la ristrutturazione funzionale e tecnica del Molo VI nel porto di Trieste; l’elettrificazione e il miglioramento del punto di accesso dei collegamenti ferroviari e l’estensione ricettiva del retroporto di Fernetti; la costruzione e lo sviluppo delle connessioni stradali del retroporto di Igoumenitsa.
 
Tali interventi renderanno più efficienti le connessioni tra porti e hinterland, aumenteranno la capacità negli scali portuali e la sostenibilità delle rotte marittime che interessano i nodi logistici dell’Adriatico-Ionio, mettendo in connessione 4 corridoi centrali della rete transeuropea dei trasporti: lo Scan-Med, il Bac, il Med e l’Orient-East Med.
 
Il corridoio intermodale adriatico-ionico è tra i più utilizzati per il traffico merci all’interno dell’area del Mediterraneo Orientale: il miglioramento delle infrastrutture portuali e retroportuali previsto dal progetto Adri Up consentirà la concentrazione dei flussi di traffico, con un conseguente aumento della capacità portuale, dell’integrazione logistica e della rimozione dei colli di bottiglia. Il progetto favorirà inoltre la cooperazione tra i porti, essenziale per la creazione di un collegamento efficiente, sostenibile e integrato.