Home > 7 Economia del Mare nel Mondo, Ambiente, Shipping e Logistica, Sicurezza > Sicurezza marittima: il Consiglio adotta posizioni a sostegno di un trasporto marittimo pulito e moderno nell’UE

Sicurezza marittima: il Consiglio adotta posizioni a sostegno di un trasporto marittimo pulito e moderno nell’UE

Il Consiglio UE ha adottato una serie di posizioni ( orientamenti generali ) su quattro proposte della Commissione nel pacchetto legislativo "sicurezza marittima"

Del 4 Dicembre 2023

Il Consiglio ha adottato una serie di posizioni ( orientamenti generali ) su quattro proposte della Commissione nel pacchetto legislativo “sicurezza marittima”, vale a dire quelle che modificano:

  • la direttiva del 2009 sul controllo dello Stato di approdo
  • la direttiva del 2005 sull’inquinamento provocato dalle navi
  • la direttiva del 2009 sul rispetto dei requisiti dello Stato di bandiera , e
  • la direttiva del 2009 sulle inchieste sugli incidenti nel settore dei trasporti marittimi
Óscar Puente, ministro spagnolo dei trasporti e della mobilità sostenibile

“Abbiamo lavorato duramente e siamo riusciti a raggiungere un accordo su queste proposte in tempi record in seno al Consiglio. Le decisioni odierne stabiliscono le basi per un trasporto marittimo più sicuro e più pulito in Europa. Ci auguriamo di compiere quanti più progressi possibili nei colloqui con il Parlamento su queste importanti leggi entro la fine dell’anno”. ha dichiarato Óscar Puente, ministro spagnolo dei trasporti e della mobilità sostenibile”

Le direttive riviste proposte devono raggiungere un attento equilibrio tra, da un lato, la necessità di garantire un elevato standard di trasporto marittimo e, dall’altro, la necessità di salvaguardare la competitività del settore marittimo europeo, mantenendo allo stesso tempo costi ragionevoli per operatori e amministrazioni degli Stati membri.

Direttiva sul controllo dello Stato di approdo

La proposta di modifica della direttiva sul controllo da parte dello Stato di approdo mira a:

  • aggiornare la legislazione dell’UE e allinearla alle norme e alle procedure internazionali stabilite nel memorandum d’intesa di Parigi (MoU) e nelle convenzioni dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO)
  • proteggere i pescherecci , i loro equipaggi e l’ambiente, anche introducendo un regime di ispezioni volontarie per i pescherecci più grandi (più di 24 metri di lunghezza)
  • garantire un approccio efficiente e armonizzato per lo svolgimento delle ispezioni di controllo dello Stato di approdo

La linea generale della proposta della Commissione è stata mantenuta nella posizione del Consiglio. Tuttavia, il Consiglio propone una serie di modifiche, la maggior parte delle quali volte a garantire chiarezza e coerenza con le norme e le procedure internazionali, in particolare quelle del MoU di Parigi. Vengono inoltre chiarite le disposizioni relative ai paesi senza sbocco sul mare per evitare di imporre un onere amministrativo sproporzionato agli Stati membri che non dispongono di porti marittimi.

Direttiva sull’inquinamento provocato dalle navi

Gli obiettivi principali della revisione della direttiva sull’inquinamento provocato dalle navi sono:

  • estendere il campo di applicazione della direttiva per coprire gli scarichi illegali di sostanze nocive in colli, liquami, rifiuti, acque e residui scaricati
  • istituire un quadro giuridico rafforzato per le sanzioni e la loro applicazione, consentendo alle autorità nazionali di adottare misure adeguate in caso di scarico illegale e imporre sanzioni amministrative
  • separare il regime delle sanzioni amministrative da quello delle sanzioni penali sancito nel nuovo progetto di direttiva sui reati ambientali

L’impostazione generale della proposta della Commissione è stata accolta con favore ed è stata mantenuta nella posizione del Consiglio. Tuttavia, il Consiglio ha introdotto una serie di modifiche per garantire chiarezza e coerenza con le norme e le procedure internazionali, in particolare quelle della convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato dalle navi (MARPOL).

Inoltre, il Consiglio ha indicato più chiaramente che la proposta riguarda esclusivamente le sanzioni amministrative , tenendo conto dei diversi ordinamenti giuridici degli Stati membri. Infine, è stata introdotta una maggiore flessibilità per quanto riguarda gli obblighi degli Stati membri di verificare e segnalare gli incidenti di inquinamento, per evitare di imporre un onere amministrativo eccessivo e nel riconoscimento delle diverse situazioni degli Stati membri in termini di posizione geografica, risorse e capacità.

Direttiva sul rispetto dei requisiti dello Stato di bandiera

La direttiva esistente mira a garantire che gli Stati membri dispongano di risorse adeguate per adempiere ai propri obblighi di Stati di bandiera in modo corretto, efficace e coerente. Gli obiettivi specifici della revisione sono:

  • aggiornare la direttiva e allinearla alle norme internazionali , per garantire maggiore coerenza e chiarezza giuridica, soprattutto per quanto riguarda il codice di attuazione degli strumenti IMO (“codice III”)
  • garantire adeguate ispezioni delle navi battenti bandiera e il monitoraggio della supervisione delle organizzazioni riconosciute che lavorano per conto dello Stato di bandiera
  • garantire un approccio armonizzato nella comprensione, misurazione e rendicontazione delle prestazioni delle flotte e dei compiti degli Stati di bandiera

La linea generale della proposta della Commissione è stata mantenuta nella posizione del Consiglio. Tuttavia, il Consiglio ha apportato una serie di modifiche, la maggior parte delle quali per garantire la coerenza con il Codice III. La posizione limita il campo di applicazione della direttiva alle navi con certificati internazionali che effettuano viaggi internazionali. La Commissione ha inoltre il compito di creare un database di informazioni sulle navi per l’emissione e la verifica dei certificati elettronici. L’utilizzo della banca dati sarà facoltativo e gli Stati membri potranno continuare a utilizzare le banche dati esistenti. Infine, per evitare di imporre un onere amministrativo sproporzionato agli Stati membri che non hanno registri nazionali o navi battenti la loro bandiera che rientrano nel campo di applicazione della legislazione, è stato chiarito che essi non sarebbero obbligati a recepire la direttiva rivista.

Direttiva relativa alle inchieste sugli incidenti nel settore dei trasporti marittimi

La proposta mira a semplificare e chiarire il regime esistente che disciplina le indagini sugli incidenti nel settore dei trasporti marittimi. L’estensione del suo campo di applicazione per includere pescherecci più piccoli (insieme ad altre modifiche relative a tali navi nella proposta di direttiva sul controllo dello Stato di approdo e sui requisiti dello Stato di bandiera) migliorerà la sicurezza dei pescherecci nelle acque europee.

Gli obiettivi specifici della proposta di modifica dell’attuale direttiva sono:

  • migliorare la protezione dei pescherecci , dei loro equipaggi e dell’ambiente, includendo ora nel campo di applicazione della direttiva anche i pescherecci di lunghezza inferiore a 15 metri, il che significa che gli incidenti che comportano vittime e perdite di navi saranno indagati in modo sistematico e armonizzato
  • chiarire le definizioni e le disposizioni giuridiche in modo che gli organi investigativi sugli incidenti degli Stati membri indaghino su tutti gli incidenti che necessitano di essere indagati in modo tempestivo e armonizzato
  • rafforzare la capacità degli organismi investigativi sugli incidenti di condurre e riferire sulle indagini sugli incidenti in modo tempestivo, esperto e indipendente
  • aggiornare diverse definizioni e riferimenti alla pertinente legislazione dell’UE e ai regolamenti IMO, per garantire chiarezza e coerenza

Il Consiglio ha mantenuto l’impostazione generale della proposta della Commissione. Tuttavia, il Consiglio ha apportato una serie di modifiche a questa proposta, con l’obiettivo principale di consentire agli organi investigativi sugli incidenti di condurre indagini sugli incidenti in modo armonizzato in tutta l’UE, rendendo le norme esistenti più chiare e più coerenti con le normative internazionali. Altri emendamenti mirano a rafforzare le disposizioni relative all’indipendenza degli organi investigativi sugli incidenti e alla riservatezza dei loro risultati, nonché a ridurre gli oneri amministrativi inutili.

Prossimi passi

Dopo l’adozione odierna dei mandati negoziali del Consiglio (orientamenti generali), la presidenza spagnola può avviare i colloqui (“triloghi”) con il Parlamento europeo. Intende compiere i maggiori progressi possibili su questi dossier entro la fine dell’anno.

Informazioni di base

Le proposte fanno parte del pacchetto sulla sicurezza marittima presentato dalla Commissione il 1° giugno 2023. Le cinque proposte legislative, tra cui una sull’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA), mirano a modernizzare le norme dell’UE sulla sicurezza marittima e a ridurre l’inquinamento idrico causato dalle navi. Poiché il 75% del commercio estero dell’UE avviene via mare, il trasporto marittimo non è solo l’arteria di un’economia globalizzata, ma anche un’ancora di salvezza per le isole dell’UE e le regioni marittime periferiche e remote. Sebbene la sicurezza marittima nelle acque dell’UE sia attualmente molto elevata, con poche vittime e nessuna recente fuoriuscita di petrolio di rilievo, ogni anno vengono ancora segnalati più di 2 000 incidenti e inconvenienti marittimi. Le proposte doteranno l’UE di nuovi strumenti per sostenere un trasporto marittimo pulito e moderno. Allineeranno le norme dell’UE alle normative internazionali, garantendo condizioni di parità per il settore e migliorando al contempo l’attuazione e l’applicazione attraverso la digitalizzazione e una maggiore cooperazione dell’UE. L’EMSA svolgerà un ruolo di primo piano nell’attuazione dei nuovi requisiti attraverso il supporto che offrirà alle amministrazioni degli Stati membri per far rispettare le nuove regole. Una proposta separata propone modifiche al mandato dell’EMSA e incorpora questi nuovi compiti.

Come stabilito nel Green Deal dell’UE, nella strategia per una mobilità intelligente e sostenibile e nel piano d’azione per l’inquinamento zero, la visione della Commissione è quella di avviare il trasporto marittimo su un percorso verso zero emissioni, inquinamento e incidenti. Il pacchetto legislativo sulla sicurezza marittima è uno dei risultati concreti degli impegni della Commissione in materia di mobilità sostenibile e intelligente. Anche le tecnologie e i combustibili puliti sosterranno l’agenda della sostenibilità e dell’inquinamento zero.

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica della direttiva 2009/18/CE che stabilisce i principi fondamentali in materia di inchieste sugli incidenti nel settore del trasporto marittimo.

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica della direttiva 2009/18/CE che stabilisce i principi fondamentali in materia di inchieste sugli incidenti nel settore del trasporto marittimo

  • Orientamento generale

Fonte e foto : UE