Home > Ambiente, Economia del Mare Magazine Speciale Lazio > AMBIENTE – Legambiente: 30 anni dalla parte del mare

AMBIENTE – Legambiente: 30 anni dalla parte del mare

Del 4 Agosto 2016

Legambiente: 30 anni dalla parte del mare

Legambiente festeggia i suoi primi 30 anni dalla parte del mare.

Un percorso nato nel 1986, con la nascita contestuale di Goletta Verde, del Ministero dell’Ambiente e delle prime due Aree Marine Protette Italiane.

Dalle battaglie degli anni ‘80 contro gli scarichi selvaggi in mare, alla legge sulle aree protette e sulla conservazione degli ecosistemi e della biodiversità, passando per la prima commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, le battaglie contro i condoni edilizi e gli abbattimenti degli ecomostri, termine coniato da Legambiente nell’avviare la grande battaglia contro gli abusi, molti dei quali realizzati a picco sul mare e in aree di pregio.

Infine la recente legge sugli ecoreati, il collegato ambientale e l’approvazione della norma sulle agenzie ambientali.

Tutto questo e molto altro è condensato in una mostra che racconta in ventidue pannelli come sia cresciuta l’attenzione e la sensibilità del Paese verso le azioni di tutela e valorizzazione della risorsa mare e che viaggia per l’Italia a bordo di Goletta Verde.

La storica imbarcazione di Legambiente, anche lei trentenne, naviga lungo le coste italiane per monitorare la salute del mare e dei litorali italiani, denunciare abusi e illegalità, promuovere buone pratiche di gestione dei territori.

Legambiente ha recentemente diffuso il Dossier Mare Monstrum 2016, realizzato grazie alla collaborazione delle forze dell’ordine (Arma dei Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato e delle Regioni a statuto speciale, Capitanerie di porto, Guardia di Finanza, Polizia di Stato), dei magistrati impegnati nella lotta alla criminalità ambientale, degli avvocati dei Centri di azione giuridica di Legambiente, dei circoli territoriali di Legambiente.

I reati ai danni del nostro mare intercettati nel corso del 2015 crescono del 27%; le infrazioni sono 2,5 per ogni chilometro di costa.

Pubblicato anche il Rapporto Ambiente Italia 2016, che fotografa le coste italiane a 360 gradi e contiene contributi di esperti dedicati alle aree costiere e allo stato di salute dei nostri mari e al Mediterraneo quale hot spot del cambiamento climatico.