Home > 2 II Conferenza delle Nazioni Unite sull'Oceano, Ambiente, Cluster, Cultura, Eventi > ECONOMIA DEL MARE – CONFERENZA NAZIONI UNITE SULL’OCEANO 2022: La giornata del 29 Giugno

ECONOMIA DEL MARE – CONFERENZA NAZIONI UNITE SULL’OCEANO 2022: La giornata del 29 Giugno

Mercoledì 29 Giugno 2022 ha segnato il punto centrale della seconda Conferenza delle Nazioni Unite

Del 30 Giugno 2022

Mercoledì 29 Giugno 2022 ha segnato il punto centrale della seconda Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceano a Lisbona, in Portogallo. I delegati si sono incontrati in plenaria per ascoltare dichiarazioni generali e hanno partecipato a due dialoghi interattivi che si sono riuniti anche durante la giornata.

Dibattito Generale

Sua Altezza il Principe Alberto, Monaco, ha condiviso iniziative come: il MedFund che fornisce 20,5 milioni di euro per la conservazione sostenibile della biodiversità marina; e l’iniziativa Beyond Plastic Med che fornisce 1,3 milioni di euro per 69 progetti in 15 paesi.

Il Pakistan, per il Gruppo dei 77 e la Cina (G-77/CINA), ha sottolineato che per mobilitare i mezzi di attuazione necessari per accelerare il raggiungimento dell’SDG 14, il mondo ha bisogno di un quadro istituzionale come la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ( UNFCCC), per l’oceano.

La GRECIA ha annunciato una partnership con gli Stati Uniti per ospitare la nona conferenza Our Ocean nel 2024. Il GABON ha riportato una copertura dell’area marina protetta (AMP) del 26% e ha chiesto un “programma REDD+ blu” per affrontare il degrado delle fanerogame marine. ISRAELE ha annunciato l’intenzione di dichiarare il Palmachim Disturbance come AMP. PANAMA ha condiviso gli obiettivi per rendere il Canale di Panama carbon neutral entro il 2030; finalizzare il piano d’azione nazionale per i rifiuti marini; e aumentare le AMP del 40% entro il 2030. L’ECUADOR ha evidenziato l’aggiunta dell’AMP di Hermandad all’area protetta delle Galápagos. COMOROS ha avvertito che il numero di migranti climatici aumenterebbe a meno che il mondo non intraprendesse azioni concrete per il clima, con CUBA che annuncia il suo “Life Task Plan” per la mitigazione del clima.

GEORGIA, IRAQ e molti altri hanno espresso la disponibilità a unire gli sforzi globali per istituire uno strumento legalmente vincolante sull’inquinamento da plastica entro il 2024.

L’ITALIA ha invitato altri ad aderire all’iniziativa Blue Leaders, condividendo il lancio di un programma di restauro con 400 milioni di euro. Il CILE ha chiesto la cooperazione per la creazione di ulteriori corridoi marini protetti. L’AUSTRALIA ha sottolineato la necessità di alzare la voce indigena, condividendo l’ambizione di raggiungere zero emissioni entro il 2050 e proteggere il 30% della terra e del mare entro il 2030. Il VENEZUELA ha affermato l’indivisibilità di tutti gli SDG e ha ribadito l’impegno a raggiungere gli obiettivi.

La REPUBBLICA DI COREA ha descritto gli sforzi per aumentare gli investimenti nella produzione di energia rinnovabile oceanica e di idrogeno. ARABIA SAUDITA ha evidenziato un programma di ricerca e sviluppo 2020 sul corallo. L’OMAN ha preso atto della creazione di 13 AMP. TURKIYE ha evidenziato un “progetto zero rifiuti blu” per affrontare l’inquinamento marino. Il PAKISTAN ha evidenziato, tra l’altro, la piantumazione di 7,5 milioni di mangrovie lungo la costa del Paese.

Il MADAGASCAR ha condiviso piani per un sistema meteorologico per migliorare la resilienza climatica tra i pescatori. TUVALU ha chiesto il sostegno internazionale per garantire che le zone economiche esclusive (ZEE) delle nazioni insulari del Pacifico non siano interessate dall’innalzamento del livello del mare. BENIN ha evidenziato il valore della ricerca scientifica e della sua strategia nazionale per lo sviluppo dell’economia blu.

Il NEPAL ha sottolineato la necessità di attuare pienamente la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) insieme agli SDG e all’Accordo di Parigi. La SPAGNA ha sottolineato il valore della pesca sostenibile e l’ESTONIA ha confermato i piani per affrontare l’inquinamento marino causato dai rifiuti pericolosi industriali e farmaceutici.

La GIAMAICA ha preso atto dell’azione per affrontare l’inquinamento da plastica e si è impegnata a designare un ulteriore 10% della propria area marina come protetta. SRI LANKA ha evidenziato il proprio ruolo di leadership nel Gruppo d’azione sugli ecosistemi di mangrovie e sui mezzi di sussistenza, che potrebbe presto includere il commercio etico di carbonio.

La COMMISSIONE EUROPEA ha annunciato 50 contributi volontari per un valore di 7 miliardi di EUR, di cui 1 miliardo di EUR per proteggere la biodiversità in alto mare. Le FILIPPINE hanno discusso il loro piano d’azione nazionale 2021 sui rifiuti marini. Il SENEGAL ha chiesto l’attuazione dell’Accordo di Parigi, delle Convenzioni di Basilea, Rotterdam e Stoccolma e della Convenzione sulla diversità biologica per affrontare efficacemente le minacce oceaniche.

KIRIBATI ha sottolineato che la mentalità della “pesca a scopo di lucro” ha portato alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN), sottolineando che è “una delle maggiori minacce alla salute e alla ricchezza degli oceani”. L’IRAN ha chiamato per affrontare l’inquinamento degli oceani da parte delle flotte militari. Il CANADA ha annunciato 20 nuovi contributi volontari, inclusi 1,7 milioni di CAD per affrontare la pesca INN nei paesi in via di sviluppo. Il LUSSEMBURGO ha annunciato un Fondo Blue Natural Capital Fund, lanciato di recente, per gli investimenti nell’economia blu. La LETTONIA ha evidenziato il ruolo del piano d’azione per il Mar Baltico nell’affrontare le minacce oceaniche.

L’EGITTO ha espresso la speranza che i risultati della COP 27 tengano conto della necessità di un’azione oceanica. La TUNISIA ha dato la priorità a una costa senza plastica e, tra l’altro, ha chiesto una maggiore cooperazione per attuare piani d’azione nazionali. Il GAMBIA ha descritto il proprio impegno a vietare la plastica monouso, nonché a combattere la pesca INN.

LA SANTA SEDE ha sottolineato la necessità di un approccio integrato e incentrato sull’uomo alla protezione dell’ambiente. L’UCRAINA ha chiesto la cooperazione e il coordinamento internazionali per proteggere l’umanità e la natura. MALTA ha annunciato che avrebbe dato la priorità al nesso clima-oceano-sicurezza al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La SLOVENIA ha rinnovato il proprio impegno per la protezione del 30% della terra e del mare a livello mondiale entro il 2030. POLONIA ha condiviso il proprio interesse a sviluppare energia rinnovabile offshore e affrontare l’inquinamento marino. La BOLIVIA ha ribadito che l’oceano è patrimonio comune dell’umanità, chiedendo un’equa distribuzione delle risorse genetiche marine.

MAURITIUS ha riferito della piantumazione di 400.000 mangrovie per ripristinare gli ecosistemi degradati e ha condiviso piani per stabilire una nuova AMP nell’arcipelago di Chagos. Il Regno Unito ha registrato la propria giurisdizione in corso su quest’area.

Il BELGIO ha espresso ottimismo per invertire la rotta sul degrado oceanico raggiungendo l’obiettivo 30 x 30 relativo alle aree protette, e con il SUDAFRICA, gli STATI FEDERATI DI MICRONESIA e altri, concludendo i negoziati sull’accordo sulla conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità marina di negoziazioni per aree al di fuori della giurisdizione nazionale (BBNJ). EL SALVADOR ha sottolineato l’importanza dei dati scientifici e delle risorse finanziarie per raggiungere l’SDG 14, sottolineando l’inclusione significativa di donne, giovani e popolazioni indigene per soluzioni innovative.

LA BANCA DI SVILUPPO DELL’AMERICA LATINA ha annunciato 1,25 miliardi di dollari in cinque anni di finanziamenti diretti per promuovere, tra l’altro , l’economia blu, il recupero degli ecosistemi marini e costieri e il blue carbon.

Dialoghi interattivi

Acidificazione, deossigenazione e riscaldamento degli oceani : il copresidente John Kerry, inviato presidenziale speciale per il clima, USA, ha annunciato: l’adesione all’Alleanza internazionale per la lotta all’acidificazione degli oceani (Alleanza OA); l’iniziativa su Green Shipping Challenge, con la Norvegia; e 15 miliardi di dollari in cinque anni per l’adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo.

Il copresidente Matthew Samuda, ministro, Ufficio del primo ministro, Giamaica, ha evidenziato le vulnerabilità dei piccoli Stati insulari in via di sviluppo (SIDS), rilevando la mancanza di volontà politica e capacità e lacune di finanziamento, affermando che il 50% dell’energia della Giamaica proverrà da fonti rinnovabili di 2030.

Il moderatore Stephen Widdicombe, del Plymouth Marine Laboratory, ha sottolineato la portata e la velocità con cui gli impatti dei cambiamenti climatici stanno accelerando e l’urgente necessità di intensificare l’azione oceanica.

Rafael Mariano Grossi, Direttore Generale, Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), ha condiviso una ricerca sull’ambiente marino che, tra l’altro , utilizza tecniche nucleari, dimostra come l’acidificazione influisca sulla vita marina e valuta la capacità di sequestro del carbonio nelle aree costiere.

Johan Stander, Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), ha sottolineato la necessità di informazioni e dati accessibili per l’azione oceanica, indicando l’Oceano Antartico come un’area sottocampionata. Jessie Turner, Direttore, OA Alliance, ha chiesto maggiori finanziamenti multilaterali per studiare l’acidificazione degli oceani.

Hans Otto-Pörtner, copresidente del gruppo di lavoro II dell’IPCC, ha evidenziato i contributi al sesto rapporto di valutazione dell’IPCC, tra cui: i coralli di acqua calda hanno superato i limiti di adattamento e le analisi del rischio globale e regionale forniscono orientamenti per l’azione. Inti Keith, Charles Darwin Foundation, Ecuador, ha descritto il ripristino delle barriere coralline delle Isole Galápagos, dicendo che se non sarà fatto ora, non avremo più barriere coralline.

Loreley Picourt, Direttore Esecutivo, Ocean Climate Platform, tra l’altro , ha incoraggiato i paesi ad aumentare l’ambizione e le azioni oceaniche nell’ambito dei loro contributi determinati a livello nazionale (NDC), creare condizioni abilitanti, sfruttare i finanziamenti e valutare come possiamo fare meglio.

Durante le discussioni, le Isole Marshall, per i PACIFIC SMALL ISLAND DEVELOPING STATES (PSIDS), hanno chiesto un aumento significativo dei finanziamenti per i PSID. La SVEZIA ha annunciato, tra l’altro : il suo contributo di 14 milioni di corone svedesi al CIO-UNESCO per il decennio delle scienze oceaniche.

L’ISLANDA ha ricordato le grandi estinzioni di massa del passato dovute all’acidificazione degli oceani, chiedendo maggiori azioni sulla mitigazione del clima. La FINLANDIA ha condiviso le lezioni apprese dagli studi scientifici nel Mar Baltico.

L’UNFCCC ha ricordato che l’Accordo di Parigi è uno strumento legale essenziale per proteggere l’oceano, invitando le Parti a mostrare come lo mettono in pratica. TIMOR-ESTE ha chiesto ai paesi in via di sviluppo di assumere un ruolo guida nella creazione di una struttura finanziaria per perdite e danni. La TANZANIA ha riflettuto sull’impatto combinato dell’acidificazione degli oceani su mangrovie, barriere coralline e attività economiche.

VIET NAM e TURKIYE hanno evidenziato il valore del monitoraggio e della valutazione dello stato degli oceani. SAVE THE WAVES COALITION ha discusso concentrandosi sulle aree in cui le onde iconiche si sovrappongono agli hotspot della biodiversità e sui loro sforzi per creare una rete di AMP e politiche nazionali con l’obiettivo di proteggere 1.000 ecosistemi entro il 2030.

La SPAGNA ha indicato un sistema di osservazione multipiattaforma e il potenziamento della tecnologia di intelligenza artificiale. Il CIO-UNESCO ha riflettuto sulla fornitura di prove osservative e scientifiche sull’acidificazione e la deossigenazione degli oceani e THE OCEAN FOUNDATION ha condiviso esempi del loro lavoro. OCANIUM ha evidenziato il potenziale per sostituire la produzione alimentare ad alta intensità di risorse con le alghe.

WMO-IOC ha osservato che la capacità di monitorare il contenuto e il riscaldamento degli oceani rimane marginale per l’acidificazione e la deossigenazione degli oceani. L’ACCADEMIA DELLA PESCA E DELLA SCIENZA MARINA ha messo in evidenza i bruschi cali della biodiversità subiti dalla pesca su piccola scala.

OCEAN VISIONS ha parlato degli sforzi di ricerca incentrati sulla rimozione di CO2 dall’aria e dall’acqua per aumentare la capacità dell’oceano di immagazzinare carbonio e ZERO-ASSOCIAÇÃO SISTEMA TERRESTRE SUSTENTÁVEL ha proposto l’uso di combustibili rinnovabili e la modernizzazione delle infrastrutture portuali.

Rendere sostenibile la pesca e fornire accesso ai pescatori artigianali su piccola scala alle risorse e ai mercati marini : il copresidente Derek Klazen, ministro per la pesca e le risorse marine, Namibia, ha condiviso la protezione degli stock ittici della Namibia attraverso politiche che limitano la pesca a traina e con palangari entro un’isobata di 200 m . Il copresidente Lawrence Hanson, Fisheries and Oceans, Canada, ha evidenziato le azioni sugli attrezzi fantasma e gli sforzi di rafforzamento delle capacità per fermare la pesca INN.

Gim Huay Neo , World Economic Forum, ha sottolineato che la pesca artigianale è un sistema alimentare blu che affronta l’inclusione, l’accessibilità al cibo, la nutrizione e la sostenibilità ambientale.

Qu Dongyu, Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), ha affermato che oceani, fiumi e laghi possono nutrire il mondo solo se gestiti in modo responsabile, equo e sostenibile. 

Henry Puna, segretario generale del Pacific Islands Forum (PIF), ha descritto gli sforzi per affrontare la pesca eccessiva, partecipare ai consigli regionali per la pesca e attuare l’accordo sulle misure dello Stato di approdo per ridurre la pesca INN.

Shakuntala Thilsted, WorldFish, ha elencato gli strumenti internazionali per la pesca su piccola scala, come lo Stato mondiale della pesca e dell’acquacoltura della FAO, il Documento di discussione sul ruolo degli alimenti acquatici e le Linee guida volontarie sui sistemi alimentari e la nutrizione. Santiago Wills, presidente dei negoziati per le sovvenzioni alla pesca dell’OMC, ha evidenziato la conclusione dell’accordo dell’OMC sulle sovvenzioni alla pesca come il primo accordo giuridicamente vincolante sulla sostenibilità degli oceani.

Elisa Morgera, direttrice di One Ocean Hub, ha condiviso la ricerca su un approccio basato sui diritti umani alla pesca su piccola scala e alle risorse marine per attuare l’SDG 14. Editrudith Lukanga, copresidente del World Forum of Fish Harvesters and Fish Workers, ha indicato la messa in sicurezza Pesca sostenibile su piccola scala come approccio positivo per garantire una pesca sostenibile su piccola scala, con l’UNIONE AFRICANA che sottolinea la necessità di attuare le linee guida e garantire che le donne siano rappresentate e riconosciute.

Il PAKISTAN, per il G-77/CINA, ha incoraggiato lo scambio delle migliori pratiche anche attraverso la cooperazione sud-sud e triangolare. ISOLE SALOMONE, per PSIDS, ha sostenuto l’accordo dell’OMC sui sussidi alla pesca, il processo BBNJ e gli approcci basati sugli ecosistemi per la gestione della pesca.

La POLINESIA FRANCESE, per il PIF, ha chiesto maggiori investimenti e ricerca per un sistema alimentare blu. LA COMMISSIONE PER LA PESCA DELL’ATLANTICO NORD-ORIENTALE ha evidenziato l’uso di misure basate sulla zona per proteggere le specie vulnerabili e un monitoraggio rigoroso per garantire il controllo e l’applicazione delle loro misure di gestione.

CABO VERDE ha sottolineato i potenziali vantaggi della transizione dalla pesca artigianale a quella su piccola scala, compreso il consentire alle navi di operare in aree più ampie. L’INDONESIA ha descritto un progetto che ha aiutato una tonnara su piccola scala a ottenere la certificazione del tonno del commercio equo e solidale e altre politiche per potenziare la pesca su piccola scala.

Una pescatrice artigiana, con COSTA HUMBOLDT, ha chiesto l’emancipazione delle donne attraverso la parità di accesso alla terra e al mare, agli impianti di lavorazione, allo sviluppo delle capacità e agli investimenti.

Nei corridoi

A seconda di dove ti trovavi mercoledì, l’atmosfera era completamente diversa. Nelle sale riunioni formali, con l’aria condizionata accesa, l’atmosfera era fredda e smorzata. Sono stati offerti commenti e dichiarazioni familiari e sono stati annunciati importanti impegni volontari, ma la risposta è sembrata poco brillante. Fuori dalla sala plenaria, il calore e la speranza sono emanati dai partecipanti nelle sale degli eventi collaterali, alimentati da molteplici esempi di partnership e azioni da tutto il mondo che lavorano per salvare l’oceano. “Stiamo davvero spostando l’ago qui”, ha detto un delegato.

Ma sotto un caldo sole di Lisbona, a fine giornata, l’atmosfera era carica: i manifestanti di strada hanno gridato messaggi: “Gli impegni volontari non sono impegni” e “L’oceano sta sorgendo e anche noi”, esprimendo il loro disprezzo o rabbia per il lavoro dall’interno del centro congressi. “Sembra che stiamo partecipando a riunioni molto diverse”, ha gridato un delegato sopra la musica trans dal palco di protesta di amore+libertà. La domanda che restava era come conciliare tutti i diversi sentimenti, e davvero #SaveOurOcean.