Home > Ambiente, EUROPEAN MARITIME FORUM 2021, Shipping e Logistica > Economia del Mare. Si chiude con successo l’ European Maritime Forum 2021

Economia del Mare. Si chiude con successo l’ European Maritime Forum 2021

L' Economia del Mare è stata al centro il 7 e 8 ottobre con European Maritime Forum - Blue Planet Economy

Del 9 Ottobre 2021

L’ Economia del Mare è stata al centro il 7 e 8 ottobre con European Maritime Forum – Blue Planet Economy.

Centodiciotto relatori provenienti da ventun Paesi del mondo; cinquantadue espositori rappresentativi di tutti i molteplici settori produttivi che afferiscono al comparto della Blue Economy; trentatré partner tra enti, istituzioni, associazioni, fondazioni, ong; otto università; ventitré centri di ricerca. Sono i numeri che hanno dato forma alla prima edizione di ‘Blue Planet Economy European Maritime Forum 2021’, appuntamento internazionale che si è concluso questo pomeriggio. Il format – organizzato da Fiera Roma e Associazione Mar, in collaborazione con Habitat World e Biennale Habitat e con il sostegno di Regione Lazio, Unioncamere Lazio e della Camera di Commercio di Roma – ha come focus tutta “l’economia blu” in chiave euromediterranea.

“I numeri che ha fatto registrare l’evento – commentano gli organizzatori – sono la base di partenza per la fiera vera e propria, che dall’anno prossimo sarà in presenza. La convinta adesione di personalità autorevoli del settore e del mondo industriale e imprenditoriale conferma il grande interesse che si genera attorno a un comparto così profondamente strategico. La Blue Economy, nonostante la crisi, attraverso l’innovazione cresce, porta reddito e occupazione e le aziende hanno ormai sempre più chiara anche la potenzialità economica che un necessario approccio sostenibile alle risorse del mare comporta”.

“Con il nostro appuntamento fieristico, che sarà annuale, vogliamo diventare un punto di riferimento per creare nuove opportunità di mercato e sviluppo in Italia, nell’area mediterranea e oltre, promuovendo il business, assieme allo scambio di idee e progetti, e creando rete tra nuovi e tradizionali partner istituzionali e industriali”, concludono.